giovedì 11 febbraio 2016

La tecnica del dripping nella moda: da Pollock a Reza Nassrollahi

L´artista moderno 
lavora per esprimere un mondo interiore;
in altri termini:
esprime il movimento, l´energia e altre altre forze interiori
(Jackson Pollock) 

Creatività, gestualità e casualità sono gli elementi principali del dripping,  tecnica pittorica che cominciò ad affacciarsi sulla scena artistica intorno agli anni quaranta grazie a Jackson Pollock (Cody 28.01.1912-Long Island 11.08.1956) uno dei maggiori rappresentanti dell´Action painting (pittura d´azione).  

Nella tecnica del dripping, usata dai pittori dell´Action painting,  il colore viene lasciato sgocciolare o schizzato sulla tela con dei pennelli per enfatizzare l´atto concreto, fisico e casuale della pittura. 
Jackson Pollock, Mural on Indian Red Ground, oil painting, 180x240 cm, Teheran Museum of Contemporary Art, Teheran
Di questa tecnica si sono avvalsi stilisti come Dolce e Gabbana e...

https://de.pinterest.com/pin/526076800196623878/

e lo stilista inglese Alexander Mc Queen (Londra 17.03.1969- 11.02.2010) che nel 1999 concluse la presentazione della sua collezione con due robot industriali che spruzzavano colore sul vestito bianco della modella Shalom Harlow. Il vestito "Dress, No 16" è stato esposto durante una mostra che il Metropolitan Musem di New York ha dedicato all´artista.


Di questa tecnica si avvale anche l´artista e stilista iraniano Reza Nassrollahi. 

http://rezalution.de/biografie/

Da quando aveva 16 anni studia e lavora in Germania. All´inizio del 2015 fonda la sua casa di moda Rezalution dove con materiali ricercati realizza pezzi unici per l´abbigliamento.
Al Mipel THEBAGSHOW 2015, la fiera che Milano dedica alle borse, le sue creazioni riscuotono un notevole successo. 


Libertà e passione sono gli elementi su cui si fondano la sua arte e la sua moda. Dopo le sue mostre "Tutto deriva dal niente", "Amore a priori" e "Fiume d´oro" ha inaugurato il suo ciclo "Il collegamento dell´essere" dedicato agli insegnamenti di Zarathustra e al suo principio etico "buoni pensieri, buone parole e buoni gesti".

Nessun commento:

Posta un commento